Blog

Differenze tra scuola pubblica, paritaria e privata

Differenze tra scuola pubblica, paritaria e privata

08 giugno 2020

Cosa sono le scuole private e paritarie e che alternative offrono rispetto alle scuole pubbliche.

Quando incontriamo ragazzi che stanno valutando a quale scuola superiore iscriversi – o i loro genitori – alcune domande si ripetono sempre: “cos’è una scuola privata? Qual'è la differenza tra scuole private, scuole paritarie e scuole pubbliche? Quali alternative offrono?”

In Italia siamo abituati a pensare che la strada dell'istruzione pubblica sia l'unica percorribile, l'unica degna di stima, e l'unica in grado di aprirci le porte dell'università e del mondo del lavoro. Le cose non stanno così: per fare chiarezza, diamo un’occhiata alle normative che regolano il sistema scolastico del nostro paese.

Le scuole pubbliche in Italia sono quelle gestite direttamente dallo Stato, tramite il Ministero dell’Istruzione (MIUR). Per questo motivo sono anche dette “statali”. Oltre alle scuole statali, in Italia è possibile frequentare scuole private, cioè non gestite dallo Stato.

Le scuole non statali italiane si suddividono a loro volta in due categorie. Da un lato le “scuole paritarie”, che svolgono un servizio pubblico – nonostante non siano gestite dallo Stato – ed adempiono a determinati ordinamenti per essere, appunto, parificate. Per questo motivo di fatto sono assimilabili alle scuole statali.

E le scuole private “non paritarie”? Sono scuole che godono di ampia autonomia, poiché non sono gestite dallo Stato. Frequentando i corsi di una scuola privata, gli studenti assolvono in ogni caso l’obbligo d’istruzione secondo la normativa italiana (legge 62 del 2000 e legge 27 del 2006). Al termine del percorso scolastico, gli studenti di queste scuole sostengono l’esame di Stato per il rilascio del diploma di maturità. Diploma del tutto identico a quello in mano agli studenti delle scuole statali.

gruppo ragazzi studia scuola privata

Perché iscriversi ad una scuola privata?

Le scuole private godono di maggiore autonomia rispetto alle scuole statali. Questo ha molte ripercussioni positive sull'insegnamento e sulle strutture. Basta pensare alla scelta degli insegnanti: mentre nelle scuole statali le cattedre vengono assegnate da un concorso pubblico, nelle scuole private gli insegnanti non sono dipendenti pubblici.

Le scuole private selezionano gli insegnanti in base al loro curriculum, alle loro capacità didattiche e alla conoscenza delle materie che insegnano. Gli insegnanti delle scuole private sono dunque valutati in base alla loro competenze: infatti la priorità dei docenti è fare in modo che tutti gli studenti raggiungano i propri obiettivi didattici. Un compito impegnativo: per questo è necessario che gli studenti siano seguiti solo da personale qualificato.

Oltre a selezionare con cura il personale docente, il metodo d’insegnamento è monitorato per garantire un’elevata qualità didattica sia in aula che fuori.

Già, in aula: una delle differenze sostanziali tra scuola pubblica e privata è l'affollamento delle classi. Al sovraffollamento della scuola pubblica, l’offerta privata risponde con classi a numerosità ridotta, con una media di 10 allievi per docente. In questo contesto gli insegnanti riescono a trattare gli argomenti in modo approfondito e seguire con attenzione tutti i ragazzi.

La maggiore autonomia è un vantaggio anche nella scelta dell'orientamento didattico: le scuole private riescono a creare programmi di studio personalizzati per le necessità dei ragazzi. La scuola privata è flessibile negli orari: offre anche classi pomeridiane e serali, per permettere a tutti gli studenti di seguire senza complicanze le lezioni tenendo conto di impegni lavorativi, sportivi, familiari e di salute.

Quali indirizzi si possono seguire?

Nell'offerta didattica delle scuole private si possono trovare tutti i corsi di diploma dell'attuale ordinamento scolastico. Perciò gli studenti possono scegliere di frequentare qualsiasi indirizzo di Liceo, Istituto tecnico o Istituto professionale. È un’offerta didattica assai ampia, possibile grazie all'ottima preparazione degli insegnanti sulle singole materie e alle classi ridotte. Per tutti gli indirizzi scolastici è possibile inoltre il recupero degli anni scolastici eventualmente persi.

E' possibile recuperare gli anni scolastici persi?

Proprio perché non sono gestite direttamente dallo Stato, le scuole private permettono il recupero degli anni scolastici persi grazie a percorsi di apprendimento personalizzati. Gli studenti sono seguiti personalmente e sostenuti nello studio dagli insegnanti, anche dopo le lezioni. Così i ragazzi riescono a recuperare anche due o tre anni di scuola in uno.

Che valore ha il diploma di una scuola privata?

Il ciclo di istruzione superiore si conclude con l'esame di maturità. Il valore del Diploma di Maturità conseguito in una scuola privata è lo stesso del Diploma rilasciato dalla scuola pubblica. Infatti l’esame di Stato è lo stesso per tutti gli studenti, con la seconda prova diversificata per lo specifico corso di studi, a seconda dell'indirizzo intrapreso.

Per questo il diploma conseguito presso una scuola privata permette di accedere a tutti i corsi di laurea e post-diploma.

 

Vuoi conoscere nel dettaglio i corsi di diploma e scoprire la nostra offerta didattica?

Contattaci per una visita.