Blog

Certificazione Trinity College: perché conseguirla?

Le certificazioni linguistiche servono eccome! Scopri come agevolano il percorso scolastico, universitario e lavorativo.

Ormai da qualche decennio la lingua l’inglese è diventata la lingua universale per eccellenza: la lingua in grado di aprirci le porte del mondo accademico e del lavoro a livello internazionale.
Ma come possiamo dimostrare di sapere davvero parlare e scrivere in inglese? Con una certificazione linguistica riconosciuta!

Non basta infatti frequentare un corso di lingua, o trascorrere un mese in Inghilterra, per poter certificare in modo ufficiale di conoscere bene l’inglese. La certificazione serve proprio a questo: attesta il livello di competenza raggiunto nella lingua straniera con una prova d’esame la cui validità è riconosciuta dalle scuole, università e aziende di tutto il mondo. Grazie a test standardizzati, esaminatori madrelingua di enti accreditati valutano il livello del candidato sulla base del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue (QCER): si tratta dei livelli che vanno da A1 (il più basso) a C2 (il più alto).

Certificazione linguistica a scuola e all’università.

Anche se frequenti ancora la scuola superiore, inizia ad informarti su test e certificazioni di lingua inglese. Già durante le superiori la certificazione può essere riconosciuta come credito formativo all’esame di maturità.
Nel mondo universitario sempre più atenei chiedono certificazioni di lingua inglese come requisito per l’accesso ai corsi di laurea. Per chi già frequenta l’università, la certificazione può sostituire l’esame di lingua inglese.

E chi pensa di partire (ad esempio in Erasmus) verso un paese anglofono - o dove le lezioni vengono tenute in inglese - dovrà dimostrare una sufficiente padronanza della lingua. Una certificazione può migliorare il curriculum universitario e farti guadagnare una borsa di studio per l’Europa.

Infine, se ti piace vivere e studiare fuori dall’Italia, i certificati sono essenziali per iscriversi presso università inglesi o americane. In questo caso il livello richiesto è elevato: spesso serve almeno un B2 per una laurea triennale (Bachelor) e un C1 per Master o dottorato.

certificazione linguistica per curriculum cv

Certificazione linguistica e mondo del lavoro.

L’abbiamo detto all’inizio dell’articolo e lo ribadiamo qui: la semplice conoscenza della lingua inglese, se non ufficialmente certificata, è difficile da spendere in contesti ufficiali. In particolare nel mondo del lavoro e soprattutto durante la fase del recruiting (processo di selezione). Ecco perché.

I selezionatori di aziende grandi e piccole effettuano decine di valutazioni sui candidati che vengono loro sottoposti. In una certa misura, i candidati vengono selezionati in base ai cosiddetti soft skills: competenze per definizione non classificabili o certificabili ufficialmente. Altre scelte invece si concentrano su qualità misurabili: una di queste è la conoscenza linguistica.

Ora, proviamo a metterci nei panni del selezionatore che deve trovare una risorsa per un lavoro che prevede il contatto con clienti esteri. Abbiamo due candidati dai profili praticamente identici, il primo con un certificato che attesta ufficialmente la conoscenza della lingua inglese ed il secondo con una generica conoscenza auto-dichiarata. Quale scegliamo? La risposta la conosciamo.
Per chiunque sia in cerca di un lavoro è dunque evidente come un certificazione linguistica non sia un costo ma un investimento.

Certificazione linguistica per bandi e concorsi pubblici.

Negli ultimi anni le certificazioni linguistiche sono diventate un requisito essenziale per l’ammissione ai concorsi pubblici in Italia. E più alto è il livello, più guadagni punti e scali le graduatorie.
Cerchi un’esperienza in Europa? I giovani italiani possono partecipare ai bandi per tirocini retribuiti presso le Istituzioni Europee. In questo caso le certificazioni linguistiche sono necessarie per fare domanda.
Nessuna certificazione può garantirti la vittoria, ma anche in quest’ambito si rivelerà un investimento intelligente.

esame lingua inglese studenti

Il Centro Studi Manzoni è sede riconosciuta per gli esami di certificazione del Trinity College London.

Il Trinity College London è uno degli Enti certificatori accreditati dal M.I.U.R., dunque le sue certificazioni sono riconosciute per i concorsi pubblici italiani, a seconda del livello richiesto. Entrambe le nostre sedi di Trento e Rovereto sono sedi riconosciute per tutte le tipologie di esami Trinity.

All’università vengono richieste principalmente le certificazioni Trinity Integrated Skills in English (ISE). Gli ISE ti permetteranno di ottenere uno dei livelli compresi tra A2 e C2 del Common European Framework of Reference for Languages (CEFR). Le prove d'esame si compongono di 4 moduli, Speaking & Listening e Reading & Writing, che possono essere sostenuti anche separatamente.
Se ti interessa certificare la tua produzione orale e ascolto in inglese, il Graded Examinations in Spoken English (GESE) è l'esame per te. Otterrai un livello progressivo sulla base di una conversazione individuale spontanea con l'esaminatore Trinity.
Per i bambini tra i 3 e i 12 anni è possibile partecipare ai Trinity Stars Award: non è un test con voti, bocciature e promozioni, ma un metodo per incoraggiare l'apprendimento dell'inglese anche tra i più piccoli!

Attenzione però: prepararsi per una certificazione non è una passeggiata! La reputazione del Trinity College London si basa infatti su una valutazione scrupolosa dei candidati e su certificazioni rilasciate solo a fronte di una padronanza effettiva della lingua inglese.
Insomma, niente risposte improvvisate o caselle barrate casualmente: ti conviene arrivare all’esame con la certezza di un’ottima preparazione per portare a casa il certificato linguistico.

Per prepararti alla perfezione, il nostro Centro Studi organizza corsi di inglese dal livello base ad avanzato. Al termine del corso sosterrai l’esame del Trinity College London presso di noi.


Fonti:
www.trinitycollege.it
miur.gov.it/enti-certificatori-lingue-straniere
funzionepubblica.gov.it/articolo/dipartimento/18-06-2018/concorsi-pubblici-vigore-le-nuove-linee-guida