Blog

Le migliori scuse per chi non ha fatto i compiti delle vacanze

Le migliori scuse per chi non ha fatto i compiti delle vacanze

24 agosto 2020

Giustificazioni per chi si è ridotto all'ultimo.

Il mantra di ogni studente sembra essere lo stesso dalla notte dei tempi: i compiti delle vacanze vanno aboliti!

Anche se alcuni sostengono che potrebbe bastare una bella lista di libri da leggere, molti insegnanti assegnano compiti ai malcapitati studenti con lo scopo di tenere rinfrescata la memoria e non dover ripetere tutto il precedente anno scolastico alla riapertura di settembre.

I ragazzi, si sa, preferiscono godersi la pausa estiva anziché passare il tempo su libri e quaderni. Infatti, a parte rarissimi casi, il trend che va per la maggiore è tentare di fare tutti i compiti all'inizio di settembre. 9 studenti su 10 falliscono nel tentativo.

Inventarsi scuse assurde per non aver fatto i compiti non è mai una buona idea, ma se vogliamo farci una risata, ecco le più assurde che abbiamo trovato in giro per il web!

cane affamato ciotola

Animali fantastici e dove trovarli

Secondo il sito Reddit, che ha raccolto le scuse più fantasiose degli studenti, questa giustificazione è stata usata veramente: “Li avevo fatti e li ha mangiati la capra”. La scusa aveva inizialmente funzionato, fino a che la madre non ha sbugiardato il figlio e ha chiarito la situazione con gli insegnanti.
Grandi mangiatori di compiti sono anche cani, gatti, criceti, conigli, pesci ecc.

È colpa della mamma!

Addossare la colpa alla madre che si è scordata di far fare i compiti pare essere nella top ten delle giustificazioni di settembre, anche se a 16 anni è una scusa molto poco plausibile!

libro compiti vacanze spiaggia

Disavventure vacanziere

Quaderni dimenticati in spiaggia, libri finiti in fondo al mare, poveri fogli lasciati sulla cima di qualche montagna (e probabilmente diventati cibo di qualche orso). Insomma, pare proprio che i compiti delle vacanze continuino a spassarsela da soli nelle più belle località turistiche lasciando gli studenti rientrare a casa senza di loro… che furbetti!

Parenti serpenti

Senza tirare in ballo i soliti poveri nonni deceduti (ma ancora perfettamente in vita!), i parenti diventano spesso vittime inconsapevoli figurando come i principali sospettati della scomparsa dei compiti. Abbiamo padri che usano i quaderni per accendere il barbecue, sorelle invidiose che li nascondono, zie che gettano via tutto facendo le pulizie e chi più ne ha, più ne metta.

“Li avevo fatti sbagliati”

“Li ho cancellati perché pensavo fossero sbagliati” è un discreto colpo di genio, ma non sempre suscitare un sentimento di pena nell'insegnante può risultare una buona tattica.
Non funziona nemmeno la scusa con cui di solito questa va a braccetto, ovvero: “Ne ho fatti solo un po' perché non pensavo fossero obbligatori”.

Tutta colpa di Gandhi

Tempo fa un ragazzo sul sito Studenti.it si è giustificato dicendo: "Gandhi diceva: «Vivi come se dovessi morire domani.» Lei vorrebbe passare l’ultimo giorno della vita a studiare?". Non sappiamo come l’abbia presa il professore, ma non sempre la simpatia è l'arma vincente.

Balle spaziali

Vacanze trascorse sulla Luna, improvvise perdite di memoria, asteroidi che cadono sui quaderni, rapimenti alieni e così via, ma occhio a non dirle troppo grosse perché naturalmente sono le scuse che reggono meno in assoluto!

Ecco la soluzione: dare la giusta priorità ai compiti!

Dando il giusto spazio ai compiti anche durante la pausa estiva, non dovresti essere costretto a inventare una scusa. Se ti capita spesso di mentire invece, probabilmente il ti manca un po' di organizzazione o di voglia di studiare!

Capita a tutti di avere delle emergenze, ma una buona pianificazione e un buon metodo di studio ti aiuterà certamente ad evitare il problema di arrivare all'ultimo minuto o - peggio - quello di dover mentire.

Al Centro Studi Manzoni gli insegnanti sono in grado di seguirti e di fare in modo che tu abbia un solido metodo di studio alle spalle. Non solo ti servirà a scuola, ma anche durante tutti gli anni dell’università. Così che tutte le fantasiose scuse che hai letto poco fa possano essere solo uno spiacevole ricordo!

Hai mai inventato una scusa poco credibile al rientro dalle vacanze estive?

Ti va di raccontarcela? Ti aspettiamo qui sotto nei commenti e… buone vacanze!